Line



The Book of me: Avanti .. “scrappa” le tue storie!
tratto dal terzo capitolo del libro di di Angie Pedersen


Come descrivere una situazione

Ci sono situazioni di cui si vuole avere memoria, ma che purtroppo non sono corredate da foto o solo da alcune foto. La chiave per creare dei layouts in questo caso e’ il Journaling, non la macchina fotografica!

Qui di seguito troverai dei suggerimenti che potrai usare per creare layouts quando non hai molte foto da usare, ma anche suggerimenti che ti potranno essere utili in ogni situazione.


L’ambiente dove si svolge la situazione e’ la tua “tela”

Dove e’ ambiantata la tua storia? La tua casa? Un risto9rante? La tua scuola? Come sono le stanze e il cosa vedi dalla finestra? Descrivi il mobilio, le decorazioni e ogni particolare

Usa I tuoi sensi!

Cose senti in questo posto?

Cosa vedi? Gira a 360 gradi e descrivi cosa c’e’ intorno a te

Cosa assapori?

Cosa avverti? E’ un posto caldo o freddo? C’e’ qualcosa di brillante,

Sfocato, soffice o duro? Associ qualche stoffa particolare a questa situazione?

Chi c’e’ con te? Che rapporto c’e’ con lei/lui? Chi non c’e’ invece?

Cis ono estranei intorno a te? Descriviti in modo particolareggiato, anche le tue sensazioni, linguaggio e modo di comportarti


Ogni storia ha una “trama”

Che sta succedendo?

Perche’ questa gente e’ insieme e quanto spesso si ritrovano?

Quale e’ la piu’ eccentrica e simpatica situazione accaduta durante questa occasione?

Quale e’ il momento piu’ emozionante della storia?

Cosa e’ successo dopo?


Porta tutto con te a casa! (spesso e’ solo dopo che si apprezzano e si comprendono le situazioni!)

Cosa o chi ti e’ piaciuto di piu? Cosa invece non ti e’ piciuto?

Cosa hai ammirato delle persone che hai incontrato?

Cosa hai imparato da questa situazione?

Come ha influenzato su quello che sei oggi?

Rispondere a tutte queste domande ti aiutera’ a “dipingere” un ricordo vivo nella tua memoria di quell’evento.
Se non hai foto, il tuo Journaling aiutera’ chi lo leggera’ a capire cosa ha significato per te quell’evento, anche se non ha immagini da collegare. Senza foto (o con poche foto) necessariamente devi fare del ricordo stesso il tuo layout. Personalmente sono una grande fan dell cose semplici, per cui solo un mat per il journaling montato su di una carta disegnata e … fatto! Ma se ti piace aggiungere qualche abbellimento che renda anche “visivo” il tuo ricordo, ci sono molti elementi decorativi che ti aiuteranno a raccontare la tua storia:  die-cuts o paper – piecing renderanno “visivo” il ricordo.
Molto spesso creiamo layouts basati su foto che ci ricordano momenti trascorsi e che ci fanno sorridere. Ma a volte non ci sono foto, ma solo ricordi. Per questo non puoi lasciarli andare, aspettano solo che tu li trasforma in meravigliosi layouts.

Copyright © 2001-2002 Angie Pedersen,  The Book of Me
ultima modifica: Dicembre 02, 2002
- usato con permesso
Traduzione di Monica Russo per scrapbook.it